Lun. Nov 18th, 2019

Dottor FRANCHISING

fai la scelta giusta

Lavanderie Automatiche? Si, ma Ibride

3 min read
lavanderie automatiche

Lavanderie automatiche in piena evoluzione

author: Laura Vivendilavanderie automatiche

Lavanderie automatiche. In passato che ne siamo occupati, ma nel frattempo il mercato si è evoluto, e con esso l’offerta.

In questo articolo avevamo evidenziato le principali caratteristiche che le lavanderie automatiche devono possedere per poterne trarre un reddito.

Come sono andate le cose? Sostanzialmente bene, laddove ci siano i requisiti. A una normale ritrosia iniziale, sta prendendo sempre più piede l’abitudine di lavare coperte e biancheria nelle lavanderie automatiche, che in tal modo diventano a tutti gli effetti le eredi dei vecchi lavatoi di frazione, dove le donne vi si recavano per lavare i panni, ma anche per intrattenere una forma di socializzazione che il rinchiudersi in casa ha progressivamente fatto sparire.

Le lavanderie automatiche sono tutto sommato economiche, permettono di lavare molta roba contemporaneamente, e consentono pure di asciugarla.

Il risvolto negativo, se vogliamo, è il tempo che si perde per attendere che il lavaggio e l’asciugatura siano terminati.

Tentativi in tal senso ne erano già stati fatti. Molte lavanderie automatiche disponevano di salottini con riviste, videogiochi, ambienti ludici per i più piccoli, e così via.

Ma si trattava sempre di un ripiego, giusto per passare il tempo. Da qui, l’evoluzione. Non più una semplice lavanderia, ma due negozi in uno, spesso senza alcuna attinenza l’uno con l’altro, ma comunque in simbiosi.

Un tipico esempio, già presente anche in Italia con la formula del franchising, sono i bar con lavanderia annessa. Si lava la biancheria e nel frattempo si fa colazione o si lavora al PC davanti a una spremuta.

Sulla stessa scia stanno nascendo anche negozi di abbigliamento, anch’essi muniti di zona lavatrici. Cosa c’è di meglio che fare un giro tra vestiti e accessori mentre si attende il bucato?

Lavanderie automatiche anche nei supermercati, dal parrucchiere, al centro massaggi, in palestra e altrove. In pratica, la simbiosi tra due attività commerciali che si supportano a vicenda, finendo per ingrandire il business di entrambe.

A pensarci bene non è nulla di nuovo. E’ il vecchio concetto dei corner, dove nel supermercato di zona c’era l’angolo dell’ottico, o nel negozio di abiti firmati quello delle cravatte o delle camicie. Negli anni sono nate centinaia di proposte franchising applicabili all’interno di situazioni commerciali giù in essere.

Il settore delle lavanderie automatiche, se non proprio vergine, si presta comunque a un genere di integrazione che ad oggi, in Italia, appare ancora relegato a poche eccezioni.

Quindi, ricavare un angolo lavanderia, potrebbe essere un’ottima integrazione per molte attività commerciali già esistenti. Per contro, affiancare ad una lavanderia un’attività che consenta di proporre al cliente qualcosa che viceversa avrebbe cercato altrove, potrebbe rappresentare la via di svolta per un business che magari non è mai decollato come si sperava.

Ovviamente, per certi versi viene a mancare quell’automatismo a tempo zero tanto sbandierato dai vari franchisor di lavanderie automatiche. Ma è davvero un’attività che si può svolgere solo nei ritagli di tempo?

Stando a chi ci è passato, non sempre è così. E, in ogni caso, nulla toglie che alle lavatrici si possano abbinare distributori automatici di qualsiasi tipo, sale giochi, tavoli da biliardo  e altre attrazioni a basso dispendio di tempo.

Attendiamo i vostri commenti qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: