Dic
7
2015

Vivere di Trading: Fantasia o Realtà?

vivere di trading

Qualche mese fa abbiamo pubblicato un articolo intitolato “Trading Online: davvero si diventa ricchi?”
Lo trovate a questo link.

Nell’articolo di oggi ritorniamo su questo argomento. La domanda che ci vogliamo porre e se si può vivere di trading, anche senza la pretesa di diventare ricchi come Zuckemberg. Insomma, è possibile pensare di portare a casa uno stipendio decente con il trading, e vivere di quello, dando un calcio, almeno virtuale, al capoufficio pedante?

Se la risposta fosse positiva, sorgerebbe immediatamente una seconda domanda: perchè non lo fanno tutti?

Se fosse negativa, ne sorgerebbero addirittura due: perchè si vede pubblicità di trading ovunque? Sono tutte truffe?

Vediamo di rispondere a queste domande, partendo da una considerazione che riprendiamo dall’articolo precedente, e che deve essere ben chiara prima di approcciare l’argomento: guadagnare con il trading non vuol dire fare soldi facili.
Il trading, qualunque tipo di trading, è assimilabile a una vera e propria professione. Come tale, implica uno studio e un’esperienza concreta sul campo.

Se questi ingredienti non ci sono, e non sono solidi, in pratica se si ritiene che investire sui mercati sia più o meno come giocare al casinò, non si va molto lontano.

Formazione ed esperienza, si diceva. Due aspetti che, chiariamolo subito, non si acquisiscono in un paio di settimane, e tanto meno in un weekend.

Di corsi di trading è pieno il web. Forex, opzioni binarie, day trading, scalping su mercati azionari, e via dicendo. Tutti miracolosi, tutti in grado di renderti ricco in un fine settimana.

Già. Un fine settimana. Perchè questa è la durata di buona parte dei corsi di formazione in circolazione venduti a peso d’oro. “Vieni da noi per un week-end e ti insegniamo come diventare ricco”. I più intraprendenti aggiungono: “vieni da noi una domenica e un lunedì, perchè a differenza di altri noi insegniamo a mercati aperti. Poi, martedì parti di slancio verso la tua nuova vita di trading.”

Il tutto condito da una bella foto di qualche tizio che lavora in riva al mare con tanto di PC e pina colada sul tavolino.

Non funziona così. Per quanto un corso possa essere ben fatto e ben strutturato, (e ce ne sono pochi), e per quanto il formatore possa essere valido, una mole di informazioni scaraventate nella testa di una persona in due giorni non porta da nessuna parte. Anche prestando la massima attenzione, con un ritmo del genere si può pensare di portare a casa un 10% delle nozioni apprese.

Il nostro cervello non è fatto per assimilare tante nozioni in poco tempo, bensì poche nozioni in tanto tempo. Questo chi fa formazione dovrebbe saperlo, cosa che invece viene sistematicamente ignorata per scopi commerciali.
“Mica si può fare un corso di sei mesi! Quanto verrebbe a costare?”

Per non parlare del formatore. Purtroppo l’opinione comune è che chiunque abbia avuto successo nella propria professione sia in grado di replicare la cosa a tutti gli altri e quindi di insegnarla. Ancora una volta, non funziona così. In qualsiasi ambito, non solo quello finanziario, esistono eccellenze che tuttavia non riescono a trasmettere le proprie competenze in maniera efficace, perché ignorano totalmente le regole della comunicazione e le modalità di apprendimento della gente.

Appurato che lo studio di una strategia di trading non può durare solo qualche giorno, ma implica un impegno decisamente più approfondito, facciamo un passo avanti.

Una volta che ho appreso il metodo posso iniziare a fare trading?

Certo che no. Abbiamo detto all’inizio che la formazione è una delle prerogative necessarie, e che non si impara in pochi giorni. La seconda è l’esperienza. Ma come faccio a fare esperienza se non faccio trading? Simulando.

Simulare, il termine tecnico è “paper trade”, trading di carta, vuol dire operare sui mercati con un conto corrente virtuale, quindi senza denaro vero. Per quanto tempo? Basta qualche giorno? La risposta è ancora una volta negativa. Servono mesi, per non dire anni.

Occorre acquisire sicurezza, imparare a gestire la componente psicologica, misurarsi con situazioni imprevedibili, aggiornarsi, testare quanto si è appreso. Insomma, sbatterci la faccia.

Facciamo due conti, assolutamente ipotetici: sei mesi di formazione e altri sei di simulazione. Totale: un anno. Resta comunque una visione ottimistica, perchè pensare di trarre un reddito dal trading partendo da zero in soli 12 mesi, rappresenta un’utopia per buona parte delle persone. Qualcuno ci riesce, per altri occorre più tempo.

A fare la differenza è la costanza, la formazione continua e di qualità, il potersi confrontare con altre persone che stanno facendo lo stesso percorso, la bontà del metodo. E gli errori. Perchè ci saranno, è inevitabile.

Cosa accade dopo un anno di studi e simulazione? Che si può cominciare a fare qualche operazione di modesta entità, dove non si rischi di fumarsi il conto in pochi giorni, ma con un sistema di gestione del denaro (“money management”) che preveda di rischiare solo una minima parte del capitale.

Perchè avere successo nel trading non vuol dire piazzare qualche operazione vincente, ma risultare in attivo a fine anno in maniera tale da trarne un reddito.

Per concludere: vivere di trading è possibile, ma non è per tutti. In particolare, è solo per chi abbia voglia di darsi da fare E’ possibile anche vivere bene, portando a casa cifre ragguardevoli (qui entra in gioco anche il tipo di trading, e in particolare il rapporto tra rischi e benefici).

Ma se qualcuno pensa che sia una cosa semplice, che si possa imparare in poco tempo, con un modesto dispendio di energie e di capitali da investire in formazione, che a fare la differenza sia la fortuna piuttosto che la preparazione, è assolutamente fuori strada. E rappresenta un ottimo candidato per andare ad ingrassare gli squali che nuotano in questo oceano, e vivono di commissioni, di corsi da fine settimana e di inesperienza altrui.

Hai esperienza di trading? Qual è la tua opinione? Scrivi qui sotto.

Sull'autore:

1 commento+ commenta

  • assolutamente vero …………………….

Lascia un commento